+39 0885 41 30 65 Lun - Ven : 08:30 - 13:00 / 15:00 - 18:30 via Mosè Conte, Lotto 134/O Z. I. - 71042 Cerignola FG
Sistema
Qualità
ISO
9001:2015
Qualificazione
all'Esecuzione di
Lavori Pubblici
SOA OG 9 Cl. II
Richiedi un preventivo

Biogas

Solenergy 2M > Biogas

Perché il biogas?

Come funziona un impianto?

Quanto si risparmia?

Cosa serve?

Agevolazioni


Perché il biogas?

ll biogas è una delle fonti alternative più utilizzate per la produzione di energia rinnovabile. Nel processo in assenza di ossigeno le sostanze organiche ad opera di numerosi batteri degradano questo processo viene chiamato digestione anaerobica. All’interno dei legami chimici viene racchiusa energia è poi rilasciata e immagazzinata principalmente in metano (CH4) il quale, assieme all’anidride carbonica (CO2), è il principale costituente del biogas.

Come funziona un impianto?

All’interno di un serbatoio detto fermentatore, vengono convogliate varie sostanze naturali come:

  1. Sottoprodotti agricoli e scarti vegetali
  2. Letame
  3. Liquame
  4. Pollina
  5. Siero lattiero-caseario
  6. Colture quali silo mais, frumento, sorgo, granella, in combinazione con liquami e letami, sono ottime materie prime
  7. Inoltre possono essere utilizzati anche scarti dell’industria agroalimentare.

Nel fermentatore, in assenza di ossigeno e a temperatura controllata, un grande numero di batteri degrada la sostanza organica, producendo:

  • Biogas, calore e fertilizzante liquido naturale
  • Il biogas viene convertito in energia elettrica grazie a un cogeneratore e ceduto alla rete nazionale
  • Il calore è utilizzato per il riscaldamento di alcuni locali dell’azienda, come stalle e uffici (o addirittura per un processo industriale)
  • Il fertilizzante liquido naturale nelle coltivazioni aziendali, la cui qualità è di gran lunga superiore al letame.

Quanto si risparmia?

Questo tipo di processo mi permette la riduzione graduale dell’attuale stato di inquinamento dell’aria e quindi dell’effetto serra, già questo è un grande risultato in termini di risparmio ed in più possiede un alto potere calorifico e può essere convertito in elettricità e calore.

Cosa serve?

l biogas è una delle fonti alternative più utilizzate per la produzione di energia rinnovabile.le aziende agro-zootecniche Italiane hanno una grande opportunità: trasformare i reflui zootecnici in denaro anche vendendoli a terzi.

Agevolazioni

Oggi i piccoli impianti da 100 a 300 kW, in particolare se alimentati con reflui zootecnici sono a vantare delle agevolazioni fiscali. Letame, liquame, biomasse agricole diventano di colpo fonti di profitto. Piccoli giacimenti sepolti nella propria azienda agro-zootecnica. La tariffa incentivante base per gli impianti da 100 kW alimentati con sottoprodotti di origine biologica non provenienti da raccolta differenziata è di 236 euro per MW all’ora.