+39 0885 41 30 65 Lun - Ven : 08:30 - 13:00 / 15:00 - 18:30 via Mosè Conte, Lotto 134/O Z. I. - 71042 Cerignola FG
Sistema
Qualità
ISO
9001:2015
Qualificazione
all'Esecuzione di
Lavori Pubblici
SOA OG 9 Cl. II
Richiedi un preventivo

Titolo VI – “Aiuti per la tutela dell’ambiente”

Solenergy 2M > Notizie > Agevolazioni > Titolo VI – “Aiuti per la tutela dell’ambiente”

SOGGETTI BENEFICIARI

Piccole e medie imprese (PMI) regolarmente costituite ed iscritte nel Registro delle Imprese alla data di presentazione della domanda di agevolazione.

SETTORI AGEVOLABILI

Sono agevolabili i seguenti settori:

  • Manifatturiero;
  • Commercio al dettaglio e all’ingrosso con superficie di vendita massima pari a 2.500 m2;
  • Supermercati, Discount di alimentari, Grandi magazzini;
  • Turismo (alberghi, villaggi turistici, affittacamere, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast, residence, campeggi, aree attrezzate per camper e roulotte, etc.);
  • Ristorazione, bar, mense;
  • Manutenzione e riparazione autoveicoli;
  • Trasporto merci su strada;
  • Trattamento e smaltimento rifiuti non pericolosi;
  • Attività di noleggio strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli, di biciclette, di imbarcazioni da diporto senza equipaggio, di biancheria da tavola – da letto;
  • Sanità e assistenza sociale (ospedali e case di cura, attività dei centri di radioterapia, centri di medicina estetica, laboratori radiografici, laboratori di analisi cliniche, etc.);
  • Attività artistiche (gestione di teatri, sale da concerto, etc.), sportive (gestione di palestre, piscine, impianti sportivi, etc.) e di intrattenimento (discoteche, parchi di divertimento e parchi tematici);
  • Attività di servizi (attività delle lavanderie industriali, etc.).

Sono esclusi i seguenti settori:

  • Produzione primaria di prodotti agricoli;
  • Trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli Pesca e acquacoltura;
  • Costruzione navale;
  • Industria carboniera;
  • Siderurgia;
  • Fibre sintetiche;
  • Produzione primaria di prodotti agricoli;
  • Trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli.

INVESTIMENTI AMMISSIBILI

Sono ammissibili i programmi di investimento volti ad una delle seguenti finalità:

  • Efficienza energetica (ad esempio interventi sull’involucro edilizio mediante la realizzazione di cappotto termico con la relativa coibentazione, sostituzione di infissi, sostituzione di corpi illuminanti con altri a tecnologia LED, sostituzione di motori con quelli di tecnologie avanzate, ecc.)
  • Cogenerazione ad alto rendimento;
  • Produzione di energia da fonti rinnovabili (fino a un max del 70% dell’energia consumata, mediamente, nei tre anni solari antecedenti la data di presentazione della domanda e, comunque, fino al limite massimo di 500 kW).

Al limite del 70% concorre la produzione da sistemi da fonti rinnovabili eventualmente già presenti nel sito oggetto di agevolazione.

I programmi devono prevedere la realizzazione di interventi volti a ridurre i fabbisogni di energia primaria del sito aziendale oggetto del programma di investimenti nella misura di almeno il 10%, di cui un minimo del 2% derivante dalla tipologia di intervento “Efficienza Energetica”.

AGEVOLAZIONE CONCEDIBILE

  • 40% contributo a fondo perduto;
  • 30% mutuo a tasso agevolato della Regione Puglia;
  • 30% mutuo ordinario concesso da una Banca Convenzionata (Soggetto Finanziatore).

Le agevolazioni saranno calcolate, indipendentemente dall’ammontare del progetto ammissibile, sull’importo massimo di € 4.000.000,00 per le medie imprese e di € 2.000.000,00 per le piccole e micro imprese.

SPESE AMMISSIBILI

I programmi di investimento ammissibili devono presentare un importo di spesa non inferiore a Euro 80.000,00 per unità locale e conseguire un risparmio di energia primaria (pari ad almeno il 10% dell’unità locale oggetto di investimento).

Sono ammissibili i costi direttamente sostenuti e concernenti:

  • acquisto di macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica, comprensivi delle spese in opere murarie ed assimilate, strettamente connesse ed indispensabili per consentire l’installazione degli impianti e dei macchinari (a titolo esemplificativo: basamenti macchinari, quadri e cavi elettrici degli impianti, etc );
  • le spese di progettazione ingegneristica (per la redazione del progetto tecnico) e di direzione lavori sono ammissibili nel limite del 5% dell’investimento ammissibile;

le spese per la redazione della diagnosi energetica ex ante e della relazione finale dei risultati conseguiti nei limiti dell’1,5% degli investimenti ammissibili e nel limite complessivo massimo di € 10.000,00